Tecniche di produzione della pasta

tecniche di produzione della pasta

Riportiamo in sintesi le fasi e tecniche di produzione della pasta:

Macinazione
Il grano raccolto e selezionato viene portato al mulino, dove viene prima setacciato e così epurato da elementi estranei, poi macinato per separare il chicco dal germe (non adatto alla pastificazione) e dalla crusca.
Impasto e gramolatura
Si mescola la semola con l’acqua e si sottopone a lavorazione meccanica dando vita a un processo chimico-fisico in cui l’amido e le proteine idratandosi creano il glutine; questa fase si perfeziona con la gramolatura, in cui l’impasto viene compresso per renderlo ancora più omogeneo, elastico e lavorabile.
Trafilazione
La trafila è lo stampo per la produzione dei vari formati; l’impasto viene compresso in fori di varia foggia, che possono essere di alluminio, o rivestiti in bronzo (il che rende la superficie della pasta ruvida) o in teflon.
Laminazione
Tecnica alternativa alla trafilazione, utilizza dei cilindri che riducono la pasta in sfoglia.
Essiccamento
È una fase molto delicata, perché la pasta deve essere portata dal 30% circa di umidità al 12,5% previsto per legge. L’essiccamento ad aria calda può durare dalle 5 alle 40 ore a seconda della temperatura dell’aria.
Raffreddamento
Conclude l’essiccamento riportando la pasta a temperatura ambiente.
Confezione
La pasta viene confezionata in sacchetti di cartone o di plastica trasparente, che la
proteggono e su cui sono indicate tutte le informazioni sul prodotto.

Campagna informativa “Sai quel che mangi” – https://www.politicheagricole.it

The following two tabs change content below.
Avatar

Redazione Ladieta.biz

Ci occupiamo della pubblicazione di articoli inviati dagli utenti, della supervisione di essi. Alcuni di essi vengono reperiti su siti istituzionali di enti pubblici Italiani o internazionali.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*