Ditalini al prezzemolo e peperone

ditalini prezzemolo e peperone

Ingredienti per 4 persone:

• ditalini rigati 320g.
• 1 peperone giallo (140g).
• 3 cucchiai di olio di oliva (30ml).
• 1 spicchio d’aglio.
• prezzemolo tritato in olio 2cucchiai (20g).
• acciughe sott’olio 40gr.
• una spolverata di pepe.
• 3 cucchiai di sale grosso.

1 – Preparare la salsa:

  • Lavate il peperone, eliminate il picciolo e tagliatelo in 4 parti.
  • Eliminate semi e filamenti interni.
  • Tagliatelo a dadini di 5 mm.
  • Sbucciate l’aglio e schiacciatelo con il palmo della mano.
  • Versate in un tegame l’olio, lasciateci cuocere l’aglio per un minuto, poi toglietelo.
  • Allontanate il tegame dal fuogo e uniteci le acciughe.
  • Schiacciatele con una forchetta e rimettete il recipiente sul fuoco.
  • Unite i dadini di peperone.
  • Cuoceteli 10 minuti a fuoco dolce, mescolandoli spesso.

TRUCCO: Se il sugo si asciuga troppo, aggiungete 1-2 cucchiai di acqua calda, in modo che le acciughe non friggano, altrimenti diventano amare.

2 – Cuocere la pasta:

  • Portate a ebolizione in una pentola 3 litri di acqua.
  • Aggiungete del sale grosso.
  • Cuocetevi i ditalini per 10 minuti (oppure il tempo indicato sulla confezione)
  • Scolateli, conditeli con la salsa al peperone.
  • Unite anche il prezzemolo con il suo olio di conservazione.
  • Mescolate accuratamente.
  • Lasciate intiepidire.
  • Insaporite con una spolverata di pepe.
  • Servite la pasta.

I ditalini al prezzemolo e peperone possono essere serviti anche freddi (a temperatura ambiente) e arricchiti con dadini di pecorino fresco(80g), olive verdi snocciolate tagliate a dadini(40g) e filetti di acciughe sott’olio a pezzetti di 1cm (30gr).

The following two tabs change content below.

Redazione Ladieta.biz

Ci occupiamo della pubblicazione di articoli inviati dagli utenti, della supervisione di essi. Alcuni di essi vengono reperiti su siti istituzionali di enti pubblici Italiani o internazionali.

Ultimi post di Redazione Ladieta.biz (vedi tutti)

  • 13
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*